Network Bar

sabato 31 luglio 2010

Un saluto

E non dimenticatevi di passare a dare un'occhiata al Carnevale della Fisica #9, questo mese ospitato da Peppe. Tra l'altro ha partecipato anche questo blog con la recensione del romanzo L'arco di Ulisse su Giovanni Battista Amici.
Buona lettura!

mercoledì 28 luglio 2010

Vacanze alienanti

Cartolina trovata sul blog delle Cartoline orrende, il blog abbinato all'omonimo concorso indetto ogni anno da Leo Ortolani sulle pagine di Rat-Man Collection.

martedì 27 luglio 2010

Integrali e polilogaritmi

L'esame preliminare dei privatisti abbinati alle varie classi è sempre obbligo delle scuole assegnate/scelte dai privatisti. Alla fine degli esami di matematica di quest'anno, una collega, la coordinatrice per l'istituto degli insegnanti di matematica, mi propone questo integrale:

Pensa che ti ripensa, utilizzando l'integrazione per parti si arriva ad un certo punto e ci si blocca. Non si prosegue più. Allora ecco che, per lo sfinimento e lo sconforto, utilizzo Wolfram Alpha con le seguenti chiavi di ricerca:
integral (x^3-x)/cos^2 x
Il risultato è quanto di più sorprendente si possa immaginare:

dove Lin (x) è la funzione polilogaritmica, una funzione così definita:

il cui grafico è

Funzione particolare, sulla quale non mi dilungo, ma che presenta una interessante particolarità: per z=1 coincide con la zeta di Riemann, che infatti è presente nello sviluppo in serie dell'integrale di cui sopra intorno a x=0:

Per chiudere vi propongo il grafico della funzione integrale:

Come potrete notare sono presenti sia la parte reale sia la parte immaginaria della funzione, e questo perché una visione completa della funzione sarebbe possibile solo con un grafico in... 4D!

Jane Goodall Anniversary

lunedì 26 luglio 2010

L'arco di Ulisse

Lo si potrebbe considerare il Codice da Vinci calabrese, se non addirittura italiano (senza contare che è anche di qualità nettamente superiore), con l'unica differenza che è incentrato su una morte misteriosa di un giovane e talentuoso astronomo cosentino realmente vissuto e molto probabilmente effettivamente al centro di una serie di complotti più grandi di lui. Il romanzo, L'arco di Ulisse di Coriolano Martirano, uscito per Laruffa Editore, è ben scritto e appassionante, con ogni capitolo che viene introdotto magistralmente con immagini degne del cinema: si parte da una sorta di campi lunghi per poi avvicinarsi ai protagonisti della scienza iniziale di ogni capitolo.
Il romanzo prende le mosse da casa Amici alla mezzanotte tra il 31 dicembre 1499 e il 1° gennaio 1500 quando il padre di Giovanni Battista Amici, protagonista del romanzo, viene velatamente minacciato dai rappresentanti della Chiesa in Calabria. Il contesto storico del Meridione, a quel tempo, era mutato da poco, con i francesi sconfitti e allontanati da quelle zone dai molto più cattolici spagnoli. Grazie a loro la mano dell'Inquisizione poté nuovamente allungarsi forte in una regione che già un secolo prima aveva prodotto idee eretiche grazie all'astronomo Tagliavia, anch'egli cosentino, che aveva in suo possesso le prove scientifiche del moto della Terra e degli altri pianeti intorno al Sole.
Il romanzo, infatti, ruota intorno a Giovanni Battista e al manoscritto di Tagliavia: l'interesse sempre crescente consiglia Idelfonso, padre di Giovanni, e Antonio Telesio, zio di Bernardino e, alla lontana, anche di Giovanni, di inviare i due giovani in quel di Padova a studiare, il primo filosofia e fisica, il secondo astronomia. Così Giovanni Battista, nella dotta Padova, va a studiare nel Cenacolo di Copernico, portando con sé il manoscritto di Tagliavia per poterlo allontanare dagli interessi della Chiesa e dell'Inquisizione.

domenica 25 luglio 2010

Cuccioli

Sempre Cortissimi. Questa volta un gruppo di pinguinucci petulanti, che vi presento giusto perché mi sento buono!
Pings by ExMachina:

venerdì 23 luglio 2010

I write like Nabokov

I write like
Vladimir Nabokov

I Write Like by Mémoires, Mac journal software. Analyze your writing!

Ho provato il servizio fornito da I write like utilizzando l'inizio della versione inglese della news sui geoneutrini.
Secondo me c'è qualcosa che non torna, comunque, visto che non mi sento abbastanza bravo da proporre anche in inglese i giochi di parole di Nabokov. Comunque accetto il verdetto e ne sono contento!

Ho scoperto il servizio via Quad.

giovedì 22 luglio 2010

Tra eroi, antiracket e intercettazioni

Un paio di giorni fa, durante la manifestazione del popolo delle agende rosse, preso in giro dal solito Emilio Fede, Fini ha affermato:
Mangano non è un eroe. E' un cittadino che è stato condannato per mafia.
La domanda a Fini nasce spontanea:
E' o non è un problema politico (o di morale politica, se preferisce) una alleanza con un partito che ha nelle sue fila un senatore che è stato condannato proprio per mafia e che ritiene Mangano non solo innocente, ma addirittura un eroe, in barba a quelle stesse sentenze che fanno dire a Fini quello che ha detto riguardo Mangano?
E se non è un problema politico (o di morale politica, se preferisce), allora le parole di Fini su Mangano sono nella migliore delle ipotesi una evidente ipocrisia politica.
E passiamo all'attualità con il dietro front del governo sul decreto intercettazioni. Forse più che le opposizioni, bisogna ringraziare gli inquirenti: arresti illustri di 'ndranghetisti tra Calabria e Lombardia, sfruttando al meglio le intercettazioni, e quindi una lotta effettiva alla mafia e alla criminalità organizzata.
Questa azione, però, Maroni, ieri alla conferenza sull'antiracket tenutasi a Lamezia Terme, ascrive all'azione di governo, un governo che di fronte alla sede della conferenza viene contestato dai sindacati autonomi di polizia per i tagli. Si può quindi dire che la polizia ha fatto bene il suo lavoro nonostante il governo, anche se nessuno sembra interessato a ricordarlo.

Ovviamente è ancora tutto da stabilire se il passo indietro sulle intercettazioni sia effettivo o solo di facciata, per intanto vi lascio con questo augurio di chi non l'ha votato al sorridente:

lunedì 19 luglio 2010

Stephen Hawking e la fantascienza

E' iniziata la quinta stagione di Numb3rs, e visto che sono rientrato in Calabria, ho iniziato a vederla (e quindi a rivedere la televisione).
Subito dopo i due episodi di Numb3rs, ecco il secondo episodio de I maestri della fantascienza, Il risveglio, tratto da The General Zapped an Angel di Howard Fast (autore di fantascienza per me ignoto, quindi non chiedete nulla). Al di là dell'episodio, che oltre a una fantascienza alla Dick o alla Clark, propone una critica, anche abbastanza feroce, alla politica estera degli Stati Uniti.
Particolarità della serie, però, è che il narratore di ogni episodio è il grande Stephen Hawking, e ogni episodio in pratica si pone una domanda (tipo il siamo soli? di questo secondo episodio), cui l'episodio in onda cerca di dare una risposta attraverso l'adattamento di un racconto fantascientifico.
Racconto fondamentalmente ottimista sul destino dell'uomo, con gli abitanti e i potenti del pianeta che scelgono la pace dopo essere stati portati sull'orlo di una guerra mondiale dal risveglio di entità apparentemente angeliche.
Forse non il massimo per quel che riguarda una serie fantascientifica, però un buon modo per concludere una domenica sera votata alla matematica.

Alcuni link dedicati alla serie: Gamberi Fantasy, Corriere della Fantascienza, CineTV, Antonio Genna, Cosmos (con la traduzione di un articolo di Arthur McPaul), SF Site (articolo dedicato proprio a The Awakening).

Ascoltanto il tg

Mentre scrivo e preparo gli articoli per SciBack, ecco che arriva un servizio particolare di un giornalista che ho sentito per puro caso presentare il suo libro, Le mani sul TG1, alla Feltrinelli di Piazza Piemonte.
Il giornalista è Giulio Borrelli, e il suo libro è stato pubblicato da un editore sostanzialmente di fumetti. Ieri sera al telegiornale delle 20 ha dedicato un servizio al gossip presidenziale statunitense: per uno cui non gli sta bene come va il telegiornale diretto da Minzolini, mi sembra interessante constatare come non solo abbia realizzato un servizio di inutility politica, ma non abbia ancora lasciato il suo posto privilegiato da corrispondente dagli Stati Uniti. E considerando che altri suoi colleghi hanno lasciato o sono stati cacciati, mi sembra un buon motivo per non acquistare il suo libro.
E scusate se sono prevenuto, ma in questo momento sono un semplice spettatore.

domenica 18 luglio 2010

A portata di mano

Sempre dall'archivio di Cortissimi, un delicato corto d'animazione in 3d realizzato da Luke Randall su un robottino che prende vita e prova ad acchiappare un uccellino poco oltre la finestra della casa dove si è improvvisamente animato...
Il corto ha partecipato alla National Film Board competition:

venerdì 16 luglio 2010

Farewell Lutetia

Farewell Lutetia

On its way to a 2014 rendezvous with comet 67P/Churyumov-Gerasimenko, the European Space Agency's Rosetta spacecraft, with NASA instruments aboard, flew past asteroid Lutetia on Saturday, July 10.

The instruments aboard Rosetta recorded the first close-up image of the biggest asteroid so far visited by a spacecraft. Rosetta made measurements to derive the mass of the object, understand the properties of the asteroid's surface crust, record the solar wind in the vicinity and look for evidence of an atmosphere. The spacecraft passed the asteroid at a minimum distance of 3,160 kilometers (1,950 miles) and at a velocity of 15 kilometers (9 miles) per second, completing the flyby in just a minute. But the cameras and other instruments had been working for hours and in some cases days beforehand, and will continue afterwards. Shortly after closest approach, Rosetta began transmitting data to Earth for processing.

Lutetia has been a mystery for many years. Ground telescopes have shown that it presents confusing characteristics. In some respects it resembles a ‘C-type’ asteroid, a primitive body left over from the formation of the solar system. In others, it looks like an ‘M-type’. These have been associated with iron meteorites, are usually reddish and thought to be fragments of the cores of much larger objects.

Image Credits: ESA 2010 MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/RSSD/INTA/UPM/DASP/IDA

Posted via email from ulaulaman's posterous

Di Pietro e il berlusconismo

Pietro, nei commenti alla doppia sconfitta dell'Italia, parlava di berlusconismo, al quale avevo espressamente dedicato giusto in quei giorni una serie di post su SciBack (parte 1, parte 2, parte 3). In un certo senso lo stesso Antonio Di Pietro, in un intervento di fine maggio a Pomezia, aveva fatto la stessa cosa. Eccovi il video, secondo recupero dalle segnalazioni della redazione di UniRoma TV:

giovedì 15 luglio 2010

Travaglio alla Sapienza

Sto recuperando un po' di video di UniRoma TV. Diciamo che gli scarti finiscono qui: per scarti intendo quei video che non avrebbe molto senso ospitare su SciBack, ma che comunque è un peccato non sfruttare.
Oggi, come da titolo, è il turno di Marco Travaglio e del suo intervento di fine maggio alla Sapienza:

mercoledì 14 luglio 2010

Ispettori Onu in Italia

Si direbbe che gli ispettori dell'Onu non debbano venire in nessun paese occidentale men che meno l'Italia. O almeno una parte dell'Italia lo direbbe. Eppure gli ispettori, a causa dell'ormai tristemente famosa legge bavaglio, minacciano di arrivare sul suolo italico.
Frattini cade dalle nuvole, ma a cadere è soprattutto il sottoscritto, non per l'arrivo degli ispettori, ma perché la notizia è battuta dal Tg Com: un angolo di libertà di informazione nelle sue televisioni?

Kaunis kasiala

O anche kiasiala. E' finlandese e vuol dire bella calligrafia. Ovvero quella che, scrivendo e-mail, non si può ottenere. O almeno così si credeva, almeno fino a che Pilot Handwriting non ha distribuito un video carino e interessante con una proposta decisamente da provare.
Vi farò sapere(1), nel frattempo, buona visione:

giovedì 8 luglio 2010

Inavvicinabili

Cosa volete che sia: anche se siete i terremotati, usati per propaganda all'alba del disastro, quando venite a chiedere lumi e il rispetto della parola data, ciò che ricevete sono solo manganelli.

La cosa che più mi da fastidio è che chi dovrebbe proteggere i cittadini, si presta alla protezione del potere...

martedì 6 luglio 2010

lunedì 5 luglio 2010

Confronti: le mappe di Planck

Mi sembrava un'ora un po' troppo tarda per proporvi questa serie di copia/incolla sul blog scientifico, così ve la propongo qui:
La notizia originale è stata battuta dall'Inaf: è evidente che sia la notizia originale, poiché i copia/incollatori propongono lo stesso testo, epurato dalla terminologia tecnica. Se da una parte c'è l'errore dell'Inaf di usarla, la terminologia corretta, in maniera oserei dire automatica, dall'altra i copia/incollatori fanno l'altrettanto grave errore di non spiegare tale terminologia, eliminando gli accenni (senza dimenticare di non segnalare la fonte originale).
I copia/incollatori sono: AGI (che fa sicuramente il suo lavoro, rilanciando la news grazie al materiale fornito dall'Inaf, ma dimentica la citazione dovuta), Virgilio Notizie (versione ridotta), Informatica-Oggi, Mysterium.
Menzion d'onore, invece, per AriaaNews che cita correttamente la fonte originaria.
Articoli originali sull'argomento sono quelli di Galileo e di Claudio Pasqua, presente durante la presentazione dei primi risultati di Planck.
La ricerca dei copia/incollatori è stata effettuata utilizzando queste chiavi su Google.

domenica 4 luglio 2010

Summertime

We return for a week end in Florence (my sister, one of our friends and me). Soon I send you the link for pictures, but now this mutts' image: it's very relaxing!

Posted via email from ulaulaman's posterous

The King is dead

Borders Are è il primo singolo tratto da Imperfect Armonies (per piccolissime anticipazioni, leggere anche soundsblog), il nuovo album in studio di Serj Tankian, il geniale ex-leader dell'ex-band (nel senso che si è sciolta: torneranno insieme?) System of a Down.
Questa canzone può essere piò o meno SoaD, sicuramente è molto Tankian, ma certo ha un testo importante che personalmente mi piace (e quindi anche la canzone proposta).
Quindi vi lascio al video, scovato sulle pagine di Musica Metal: